Uno strano sogno

Guerre, popoli e padroni
senza spazio per giocare,
il futuro sulle spalle,
nel deserto e dentro il mare.

La paura tra le mani
mentre il buio ti confonde,
aggrappato a certi sogni
come barche tra le onde onde.

Troppo carica quell’aria,
non c’è tempo per pensare,
con il freddo che ti avvolge
e poche cosa da gridare.

Non è più la mano calda
che accarezza la tua testa,
non è mamma che ti culla
ma le onde di tempesta.

Sulla spiaggia si è fermato
quel tuo corpo senza vita,
con il volto rassegnato
e con la sabbia tra le dita.

E svanisce all’improvviso
nella pagine del giorno,
come a dire: “io non c’ero,
è normale, è solo un sogno”.

Tutto quello che rimane
è una lapide scolpita,
il ricordo d’un estate
e di un corpo senza vita.

Non è più la mano calda
che accarezza la tua testa,
non è mamma che ti culla
ma le onde di tempesta.

Copyright © 2020 Samuele Villini.
Tutti i diritti riservati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: